Avvisi di sciopero

Valido: 28 aprile 2022

Sciopero Coordinamento Autoferrotranvieri Trieste del 28 aprile 2022

Il Coordinamento Autoferrotranvieri Trieste ha comunicato l’adesione allo sciopero generale del Trasporto Pubblico Locale per il Friuli Venezia Giulia di 4 ore proclamato per

giovedì 28 aprile 2022

Per quanto riguarda il SERVIZIO URBANO TPL FVG/APT di GORIZIA, MONFALCONE, GRADO e il SERVIZIO EXTRAURBANO TPL FVG/APT LINEE: G01, G02, G03, G04, G06, G07, G08, G09, G21, G22, G23, G24, G25, G26, G27, G28F, G28V, G51, G55, G56, G57, G58, G58C, G59, nel rispetto delle fasce orarie di garanzia previste dagli accordi territoriali in essere, lo sciopero potrà svolgersi

dalle ore 17.00 alle ore 21.00

Le corse in viaggio al momento dell’inizio dello sciopero proseguiranno fino al capolinea di destinazione.
L’astensione dal lavoro del personale amministrativo e degli impianti fissi potrebbe verificarsi le ultime 4 ore di ogni turno.
Le BIGLIETTERIE di Gorizia, Monfalcone, Grado svolgeranno servizio regolare.

Il precedente sciopero di 4 ore indetto dal medesimo coordinamento risulta essere quello del 07/04/2022; l’astensione del personale viaggiante è stata pari al 13,01%.


G2022 34s – Sciopero Coordinamento Autoferrotranvieri Trieste del 28-04-2022

“Motivazioni dello sciopero indicate nella comunicazione di adesione:

Lo sciopero è stato indetto contro il Governo Draghi quale “Governo della pandemia” e “Governo della guerra”; contro la sospensione dei diritti civili e lo stato d’emergenza permanente usati per condurre, senza delega politica, il Paese attraverso scenari che ne compromettono la sovranità e il prestigio internazionale scaricando poi il prezzo di queste scelte sulle spalle dei cittadini e dei lavoratori tutti: -diritto di voto: per il ritorno alle urne al fine di avere un governo rappresentativo della volontà popolare. -diritto al lavoro: contro la Certificazione verde Covid-19 e per la sua abolizione; contro il suo uso ricattatorio sui lavoratori di ogni età e le sue ricadute antieconomiche nella gestione di tutte le attività pubbliche e private. -diritto alla salute: contro lo smantellamento delle strutture sanitarie pubbliche e riduzione della loro capacità di accoglienza, contro ogni protocollo sanitario che ostacoli l’operato dei medici legati esclusivamente al loro codice deontologico; contro il travaso di soldi pubblici alle multinazionali del farmaco, a favore di una farmacovigilanza attiva e garantita, durante l’utilizzo di farmaci sperimentali. -diritto alla sovranità: seguendo i dettami dell’art. 11 della Costituzione, riconfermare il ruolo neutrale dell’Italia in ogni contenzioso internazionale come mediatore e pacificatore, tutelando gli investimenti e gli interessi nazionali all’estero. -diritto alla riservatezza: ripristino degli strumenti giuridici e delle funzioni operative del Garante per la protezione dei dati personali. -diritto all’informazione: interrompere ogni finanziamento pubblico agli organi di stampa finalizzato al controllo sociale e avvicendamento dei vertici della radiotelevisione pubblica che per due anni è stata ed è dispensatrice di suggestioni e paure.

L’Azienda rende noto (art. 5 della L. 12 giugno 1990, n. 146 modificata dalla L. 11 aprile 2000 n. 83) che l’adesione allo sciopero nazionale di 4 ore, proclamato dal Coordinamento Autoferrotranvieri Trieste per il giorno 28 aprile 2022, ha coinvolto 16 lavoratori su 100 interessati alle modalità dello sciopero stesso. Totale ore di sciopero 37:24, le trattenute effettuate ammontano ad euro 614,11.

dati adesione sciopero del 28-04-2022

Verifica gli avvisi sulle altre aree della regione: